Stampa questa pagina
Lunedì, 30 Settembre 2013 14:22

Torneo Subbuteo - Luis Silvio

Grande Subbuteo a Pistoia….e anche Luis Silvio non è più solo una leggenda metropolitana

Luis Silvio Danuello da Julio Mesquita, Stato di Sao Paulo, Brasile, ma chi era costui?
Unico straniero dell’unica stagione della Pistoiese in serie A dall’avvento del girone unico, solo poche partite prima di essere relegato definitivamente in tribuna...citato per anni come esempio classico di bidone brasiliano, abbaglio di una “provinciale” neopromossa, poi fantomatici avvistamenti come gelataio e pizzettaro allo stadio di Pistoia se non addirittura reinventatosi come attore porno…tutte fandonie.
Forse il “mitico” Luis Silvio è stato solo un giocatore sfortunato, scambiato per altri da osservatori disattenti  e confuso per una “punta” implacabile mentre invece avrebbe dato il meglio giocando da “ponta” ovvero “ala”, per poi concludere una carriera comunque dignitosa in Brasile.
Ma nel calcio in miniatura tutto viene reinterpretato e rielaborato, e anche la storia cambia: così Luis Silvio diventa l’eroe di una giornata, con un torneo a lui dedicato e la Pistoiese del 1980/81 brilla nelle sue belle maglie al cospetto di giganti come Inter, Juventus, Milan, Roma…diversi Napoli e Fiorentine, qualche Avellino, Lecce, Ternana, persino un Casale dalla particolare maglia nerostellata. Sì, perché in questo calcio miniaturizzato, più noto come Subbuteo, capita anche questo: che nel corso dello stesso torneo ti trovi ad affrontare 2 diversi Napoli, uno con Maradona el pibe de oro e uno con Castellini ‘o giaguaro, la Juve di Trapattoni e quella derelitta di Maifredi, il Milan retrocesso e quello stellare di Sacchi e Capello…tutti in un giorno, tutti a Pistoia!
Ben 44 giocatori, provenienti da mezza Italia, si sono ritrovati a Pistoia nella sede del CRAL Breda per far rivivere quelle emozioni degli anni 80, un calcio che non esiste più cancellato da indigestioni di dirette e replay, da posticipi e anticipi a raffica, milioni di debiti e miliardi di scommesse. E sono state “emozioni a tutto campo” con la sala gremita e tanti “ministadi” pieni, 11 gironi eliminatori seguiti da sfide “all’ultimo sangue”, per uno dei tornei più grandi mai organizzati in Toscana.
Per la cronaca ha vinto meritatamente Morgan Croce da Calcata (Viterbo), in finale sul bravo Nico Lucchesi del Club Kampino di S.Miniato, ma i nostri arancioni di casa si sono ben comportati con molti qualificati al secondo turno e l’outsider Sergio Robertiello in semifinale, ma sarebbe però il caso di dire che “hanno vinto tutti” e non solo simbolicamente, se non altro per la grande quantità di premi speciali messi a disposizione dall’organizzazione, fra cui le miniature perfette di Oronzo Canà e Aristoteles (chi non ricorda il film L’Allenatore nel Pallone?), le squadre della Pistoiese di serie A (prima e seconda maglia, bellissima….), tutte opere di Sus’Artist da Livorno, gli accessori di Replay HW, e altre sorprese in tema, fra cui il Tapiro Consolatorio assegnato al vincitore del torneo degli eliminati, Riccardo Falorni.
I toscani hanno fatto la loro parte con le presenze praticamente di tutti i club, dal citato Club Kampino ai Balzani senesi, i due club livornesi Labronico e CCM, i maremmani del Cave Canem di Arcidosso, Apuania, Granducato di Montecatini e ovviamente il club ospitante CRAL Breda Pistoia.
E dopo questa giornata intensa, l’attività prosegue con la partecipazione alla Festa dello Sport di Pistoia, con i tornei interni, e decine di altri tornei in giro per la regione e per l’Italia, anche la prossima stagione in partenza dopo la pausa estiva si preannuncia carica.
Un’ultima informazione per tutti i “ragazzi” o meno che vogliono provare il brivido del calcio a punta di dito: il club si ritrova tutti i lunedì sera presso i locali del CRAL Breda di Via Ciliegiole (Centro Sportivo), con le discipline di Old Subbuteo e di Calcio da Tavolo (la variante moderna e rivista), per contatti subbuteopistoia @yahoo.it oppure tramite Facebook cercando Club Subbuteo Pistoia.